Sisma: 4 mln di euro per l’Ater di Teramo

  - Di Veronica Marcattili

L’AQUILA – Un finanziamento di oltre 6milioni di euro per l’edilizia residenziale pubblica abruzzese. “L’obiettivo è azzerare i contributi per l’autonoma sistemazione e riportare vitalità all’interno delle città” è il commento del Presidente Luciano D’Alfonso che questa mattina , all’Emiciclo a L’Aquila , ha annunciato che proprio ieri, nella sede commissariale di largo Chigi, si è tenuta la cabina di coordinamento e alla Regione Abruzzo sono stati assegnati €. 6.150.543,53.
I fondi a disposizione sono così distribuiti: Ater Teramo, via Giovanni XXIII , 1.105.394,00 euro, via Gelasio Adamoli 2.896.905,20 euro; Ater L’Aquila, località San Cosimo via Sant’Aniceto n.3, 1.500.000,00 euro , Pizzoli loc. San Lorenzo, via dell’Aquila 421.200,00 euro; comune di San Valentino , contrada Solcano 227.044,33. L’intero piano ammonta a 67 milioni di euro.
In relazione a quanto previsto dalla Ordinanza n. 27, recante “Elenchi degli edifici di proprietà pubblica, classificati non agibili, da ripristinare con interventi di miglioramento sismico per essere destinati al soddisfacimento del fabbisogno abitativo”, l’U.S.R.  infatti ha provveduto alla raccolta delle proposte dei singoli comuni, fuori e dentro cratere, oltre che delle rispettive ATER competenti per territorio provinciale. Esaminata la documentazione pervenuta, sulla base di criteri di fattibilità tecnica ed economica, con particolare riguardo ai tempi di realizzazione degli interventi e al fabbisogno abitativo dei singoli territori, sono stati predisposti n° 3 elenchi relativi ad edifici pubblici ATER, edifici pubblici Comuni del cratere ed edifici pubblici Comuni fuori cratere; detti elenchi contengono l’individuazione di 86 interventi su edifici di proprietà pubblica idonei e indicazione delle risorse economiche occorrenti per l’effettuazione di ciascun intervento di miglioramento sismico, per un importo totale del programma pari ad € 78.537.721,58.