Quattro Comuni abruzzesi andranno al ballottaggio

  - Di Pietro Colantoni

L’AQUILA – Le comunali nei 50 comuni abruzzesi dove si è votato sono finite con quattro ballottaggi. Due le sfide di ‘lusso’: L’Aquila e Avezzano. Ortona (Chieti) paga il frastagliamento. A Martinsicuro Massimo Vagnoni va al secondo turno con il 46,7% dove se la vedrà con il sindaco uscente Paolo Camaioni. Riflettori accesi sul capoluogo di Regione dove il candidato del centrosinistra, Americo Di Benedetto, ‘sfiora’ il 50% con il 47,09 (16.508 voti) contro il 35,94 del centrodestra (12.601 voti) riunito sotto Pierluigi Biondi, che ottiene quasi il 36% personale sul circa 33% delle liste. Ad Avezzano il sindaco uscente e ricandidato Giovanni Di Pangrazio ottiene il 44,48% (10.854 voti) sull’avversario Gabriele De Angelis che chiude la prima manche con il 34,98% (8.535 voti). Ad Ortona è ballottaggio tra Leo Castiglione e Giorgio Marchegiano, entrambi espressione del centrosinistra. Hanno ottenuto rispettivamente 3.239 voti, pari al 24,44% delle preferenze, e 3.079 voti, 23,23%.  Nei comuni dell’Aquila e di Avezzano (L’Aquila), lo spoglio delle schede si è chiuso con un seggio in meno: nel capoluogo 80 su 81 nel centro marsicano con 47 su 48. Dei due seggi nei quali ci sono stati problemi legati al riconteggio delle schede, si occuperà l’Ufficio centrale elettorale, l’organismo nominato dal presidente del tribunale al fine di assicurare la regolarità della consultazione elettorale. Nei due seggi verbali e schede sono stati sigillati e consegnati all’Ufficio centrale.