Il supertrekking: dalla vetta del Corno Grande alla spiaggia di Pineto in quattro giorni

  - Di Pietro Colantoni

TERAMO – Pennabball (che in dialetto abruzzese/teramano vuol dire “in discesa” – “verso valle”) è un cammino di quattro giorni dal Gran Sasso al mare Adriatico. Un trekking dai 2912m del Corno Grande, la vetta più alta degli Appennini, fino a quota 0, la spiaggia di Scerne di Pineto. Lungo i 67 chilometri da percorrere si potranno godere paesaggi unici ed estremamente diversi tra loro: dal ghiaccio perenne del Calderone, alla vasta pianura alluvionale del fiume Vomano, da magnifici boschi di faggio ai piccoli borghi della Valle Siciliana, dalle stradine di campagna delle colline teramane all’acqua dell’Adriatico. L’idea di strutturare questo percorso così estremo è venuto ai ragazzi dell’Associazione L’Abruzzeria che, dopo aver organizzato numerosi eventi di promozione del territorio e della cultura abruzzese, hanno pensato di offrire un’esperienza possibile solo in Abruzzo, una regione con caratteristiche geomorfologiche uniche, spesso conosciute più in teoria che nella pratica. “Pennabball è l’occasione perfetta per conoscere e apprezzare al meglio ogni singolo metro di dislivello dei 2912 totali che la nostra regione ci mette a disposizione” sono le parole degli organizzatori che, dopo aver testato personalmente l’intero percorso, hanno pubblicato il  video-diario dell’avventura sulla loro pagina facebook con un post che ha raggiunto spontaneamente più di 70mila utenti in pochi giorni. Tutti i dettagli dell’evento, aperto solo a 8 fortunati e coraggiosi viaggiatori, sono disponibili sulla pagina web: http://www.labruzzeria.it/pennabball-2017-summer-edition/ dov’è possibile compilare il form di iscrizione o contattare l’Associazione per ulteriori informazioni.