Domani il rientro della salma del giovane alpinista precipitato in Trentino

  - Di Alessandro Misson

TRENTO – Uscito ieri per un’escursione in Trentino, senza fare ritorno a sera, un giovane di Teramo è stato recuperato morto stamani. Si tratta di Filippo Di Francesco, 23 anni, che si trovava nella zona delle Pale di San Martino, in un canalone vicino al Campanil di Castrozza, Cima Val di Roda.
 Il giovane stava seguendo uno stage all’azienda di promozione turistica del Primiero. A dare l’allarme, sabato sera, era stata la fidanzata. L’ha recuperato il soccorso alpino.

Il soccorso alpino è stato mobilitato questa mattina alle 4.30, in seguito alla chiamata della fidanzata del giovane 23enne di Teramo, che da ore non dava più notizie, dopo una uscita sulle Pale nella giornata di sabato.

Immediatamente si sono attivati gli uomini del Soccorso alpino di Primiero San Martino di Castrozza. L’auto del ragazzo, Filippo Di Francesco, 23 anni di Teramo, è stata ritrovata in zona Maso Col a San Martino di Castrozza.

Poco dopo, gli uomini del Soccorso alpino con il supporto dell’elisoccorso decollato da Trento, hanno ritrovato il giovane senza vita, in un canalone nei pressi del Campanil di Castrozza, Cima Val di Roda.

Di Francesco, stagista all’Azienda per il turismo a San Martino di Castrozza, stava arrampicando da solo, probabilmente sui campanili di Val di Roda, ma per cause da accertare avrebbe perso l’appiglio cadendo nel vuoto.

 

“L’Università di Trento esprime la propria vicinanza alla famiglia di Filippo Di Francesco, un nostro bravo studente, una giovane vita spezzata da una terribile tragedia della montagna. Abbiamo avuto modo di conoscerlo e apprezzarlo. Voglio ricordare che quando un giovane membro della nostra comunità viene a mancare è una perdita che colpisce l’intero Ateneo.” Queste le parole del Rettore Paolo Collini, dopo aver appreso la notizia della scomparsa di Filippo Di Francesco.

Filippo, 23 anni, dopo la laurea triennale in ambito economico conseguita all’Università di Siena, si era iscritto al corso di laurea magistrale in Management della Sostenibilità e del Turismo (MaST) del Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Trento e aveva già sostenuto diversi esami. Univa alla passione per l’economia la passione per l’ambiente e per la montagna e indirizzava i suoi studi in questa direzione; stava svolgendo, infatti, uno stage all’Azienda provinciale per il turismo di San Martino di Castrozza.

“Filippo era uno studente molto motivato e capace. – Ha aggiunto la professoressa Mariangela Franch, coordinatrice della laurea magistrale MaSt. – Credeva in quello che faceva, voleva diventare guida alpina e non si era solo trasferito in Trentino, ma aveva chiesto anche la residenza per seguire il Suo sogno. Voleva contribuire alla costruzione di un futuro più sostenibile per tutti. Tutta la comunità di MaST, studenti e docenti, lo ricorda con affetto e stima.”