Dieci milioni di euro per le Pmi del cratere

  - Di Redazione

Costituzione di un apposito fondo di garanzia e concessione diretta da parte della Regione di contributi a fondo perduto. TERAMO – «Dieci milioni di euro a sostegno delle micro, piccole e medie imprese dell’area del cratere attraverso il programma di sviluppo “Restart”, sono stati deliberati durante la seduta di martedì, della Giunta regionale». Lo annunciano l’assessore alle Aree interne e Restart, Guido Quintino Liris e l’assessore alle Attività Produttive, Mauro Febbo che spiegano come «in questa fase di grave emergenza, che va ad acuire i disagi causatidal terremoto, abbiamo ritenuto necessario rendere disponibili da subito strumenti finanziari a supporto delle imprese operanti nel cratere sismico 2009. In particolare precisano – la delibera dispone un duplice canale di intervento, da un lato un’azione di agevolazione per l’accesso al credito bancario, attraverso la costituzione di un apposito Fondo di garanzia, e dall’altro, con la concessione diretta da parte della Regione Abruzzo di contributi a fondo perduto. Una misura – dichiarano i due assessori su cui stiamo lavorando da mesi e che ha richiesto una attenta analisi. Ancora una volta la Giunta Marsilio dimostra di essere efficace e pronta in piena emergenza, con un provvedimento rapido e specifico. Il blocco delle tante imprese causato Coronavirus – concludono Liris e Febbo – avrà un impatto economico molto vasto e assicurare da subito credito alle Pmi significa sostenere quella che è l’ossatura dell’economia abruzzese, già colpita da una crisi da cui non è mai uscita».