Bellante: sequestrata una discarica abusiva

  - Di Veronica Marcattili

BELLANTE – Un deposito di mezzi comunali trasformato in discarica abusiva: sotto sequestro, a Bellante, è finita un’area di circa 5mila metri quadrati dove i carabinieri hanno trovato una grossa mole di rifiuti. Rottami di metallo, vecchi neon, pneumatici usurati, scarti di alberi e siepi: c’era un po’ di tutto su quel terreno, soprattutto rifiuti pericolosi per l’ambiente e la salute che andrebbero smaltiti in modo ben diverso. Il controllo è stato eseguito dai carabinieri di Bellante in collaborazione coi colleghi del Noe di Pescara (Nucleo operativo ecologico): la situazione rilevata ha fatto scattare il sequestro dell’area affidata, in custodia giudiziale, al sindaco Giovanni Melchiorre. Ora sono in corso indagini ed accertamenti mirati per capire come sia stato possibile realizzare quella discarica abusiva e a chi sono addossabili – a vario titolo – le responsabilità.