Mercato del sabato, per l’ambulante “no mask” scatta la seconda sospensione

Ha ovviamente un seguito la vicenda dell’ambulante “no mask” che, nel mercato settimanale di sabato scorso, dopo aver subìto una sospensione per cinque giornate mercatali consecutive, è tornato di nuovo a presentarsi senza mascherina. E con lui, nelle medesime modalità free, si sono presentati anche il padre e un paio di amici: come detto, tutti senza mascherine sostenendo il fatto che non servisse, visto che si trovava in un luogo aperto, mentre uno degli amici con un cellulare

Lunedì 12 Aprile 2021 - di Patrizia Lombardi

Ha ovviamente un seguito la vicenda dell’ambulante “no mask” che, nel mercato settimanale di sabato scorso, dopo aver subìto una sospensione per cinque giornate mercatali consecutive, è tornato di nuovo a presentarsi senza mascherina. E con lui, nelle medesime modalità free, si sono presentati anche il padre e un paio di amici: come detto, tutti senza mascherine sostenendo il fatto che non servisse, visto che si trovava in un luogo aperto, mentre uno degli amici con un cellulare girava il video del confronto con la Polizia locale, così come da prassi, in questi casi, dei negazionisti. Primo aspetto - rendiconta l’assessore con delega alla Polizia locale, Maurizio Verna - è quello sanzionatorio: dopo l’ennesimo duro faccia a faccia avuto con il vice comandante della Polizia locale, Saverio Finocchi, e gli agenti del Corpo, per l’ambulante, che è assegnatario di due posti dedicati all’abbigliamento vintage, è subito scattata una nuova sospensione - sempre per altre cinque giornate consecutive - dal mercato cittadino del sabato. Ma non basta, perché - fa sapere ancora l’assessore - nel frattempo si stanno studiando gli atti per avere contezza se sia possibile sospenderne la presenza fino a quando non si sarà usciti dall’emergenza Covid e ci si potrà, quindi, presentare senza indossare la mascherina. Vedremo. Ma una cosa è certa: è impensabile che da qui a cinque settimane, ci si possa chiamare fuori dalla pandemia ma è anche improponibile che, allo scadere di questa seconda sospensione, si torni ad assistere ancora una volta al teatrino di sabato scorso. Sia per le reazioni avute dalle persone davanti al banco, sia per quelle degli altri operatori, ovviamente imbarazzati e infastiditi.