Regione, iI messaggio augurale del Governatore Chiodi agli abruzzesi

Questo il messaggio di auguri per le imminenti Festività che il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, ha rivolto alla comunità. “Carissimi Abruzzesi, davanti a noi un altro Natale che per molti sarà sinonimo di gioia e serenità; per molti altri di apprensione e difficoltà. Per tutti, però, un momento di riflessione da trascorrere in famiglia, con i propri cari, magari con meno beni materiali, meno regali, ma più sentimento ed affetti. Ci sarà tempo e modo per tracciare un bilancio di questo 2012. Posso solo dirvi che nella crisi economica e finanziaria mondiale ed in quella politica nazionale, l’Abruzzo c’è dentro, non poteva essere altrimenti. Ma ha maggiori potenzialità per rimanere a galla. Questo Natale ci porterà via dalle tasche qualche soldino in più. Ma non per nostra scelta, quanto per politiche anti recessione adottate dal Governo nazionale. Ma ci porterà altresì in cambio, o almeno così dovrebbe essere, un pò di ottimismo in più. O motivo per esserlo. A livello di comunità regionale, infatti, la Natività ci troverà con meno debiti, avendo questo Esecutivo raggiunto l’equilibrio nei conti della sanità, e con migliori prospettive per il futuro. Dati elaborati da autorevoli Istituti di ricerca (vedi Svimez o Istat) ci attribuiscono le migliori performance in assoluto, in Italia, quanto a crescita Pil, occupazione, numero imprese. Questo deriva dal fatto che non ci siamo arresi di fronte alle prime avvisaglie di default (anche se questo è un discorso abbastanza complesso, già in essere nel 2007 in Abruzzo, per la Sanità). Abbiamo reagito, ognuno per la propria parte, evitando il collasso dei consumi. Un pò di merito, permettete, lo abbiamo anche noi. Il Governo regionale ha adottato decisioni anche dolorose, se si vuole, ma necessarie per contenere le spese, raggiungere economie, pur mantenendo sempre vivo il mercato. Un’altra parte di merito va alla classe imprenditoriale, dinamica e propositiva, che ha accolto il nostro invito ad investire nelle tecnologie, nella ricerca, nell’innovazione. E poi ci siete tutti voi, cari abruzzesi, che, nonostante i tentativi di strumentalizzazione di una parte della politica, avete compreso che bisognava andare avanti uniti, affrontando i sacrifici in nome di un bene e di un traguardo più elevati: la tranquillità ed il futuro dei nostri figli, delle giovani generazioni, che meritano ‘Natali’ migliori di quelli da noi ereditati da chi ci ha precedentemente governato con tanta ‘leggerezza’. E’ Natale. Non è tempo di polemiche. Ma del Mondo che si apre al ‘nuovo’, alla vita. Ecco, dunque, il mio messaggio all’Abruzzo intero. Pensare al domani con fiducia, speranza e positività. Io ed i miei collaboratori lo stiamo facendo. Assicurerò ancora tanto impegno per migliorare le nostre condizioni. Con un occhio di riguardo per le popolazioni aquilane ancora alle prese con i disagi del terremoto del 2009. Anche per loro potrà comunque essere un Natale da festeggiare, avendo tutti ricevuto l’assegnazione del tipo di alloggio preferito. Dunque, come tradizione vuole, armiamoci di bontà e nuovi propositi. Apriamoci al confronto ed alla collaborazione per far crescere ancora questa nostra regione, divenuta con grande orgoglio ‘virtuosa’. Il vostro Presidente, Presidente di tutti, vi augura col cuore un caro, sentito, augurio di Buon Natale. Che siano Feste di pace e di calore, da dedicare a se stessi, ma soprattutto agli altri”.

Lascia un commento