Parolisi rimane rinchiuso nel carcere di Ascoli

  - Di eli

Salvatore Parolisi resta, per il momento, rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto ad Ascoli Piceno. Lo conferma uno dei due legali di fiducia, l’avvocato Nicodemo Gentile. Il caporalmaggiore, presunto assassino della moglie Melania Carmela Rea, trovata morta nel bosco delle Casermette a Civitella del Tronto il 20 aprile scorso ma il cui decesso risalirebbe al 18 aprile proprio nel boschetto teramano, non sara’ per il momento trasferito nel carcere di Teramo che dovrebbe comunque avvenire a giorni. Il pool di magistrati teramani a cui e’ stata trasferita la competenza dell’inchiesta dovranno decidere entro la prima decade di agosto sulla detenzione cautelare di Parolisi. I pm teramani titolari del fascicolo, Greta Aloisi e Davide Rosati, stanno ora visionando gli atti interfacciandosi con il comando provinciale carabinieri di Ascoli Piceno che proseguono le indagini su delega della procura.