Mancano i Vigili. La Lega interroga Costantini

  - Di Redazione

L’esigenza di incrementare il numero degli agenti municipali era emersa già un anno fa in campagna elettorale

GIULIANOVA Tra quattro mesi, in autunno, i Vigili urbani in servizio saranno 13, sei in meno rispetto allo scorso anno. La legge, in realtà, prevede che sia operativo un agente ogni mille abitanti. Che il corpo di Polizia Municipale fosse sottodimensionato, non è una novità. Meno scontato sapere se e come l’amministrazione comunale voglia ovviare ad una disfunzione che potrebbe risultare insostenibile sul piano della pubblica sicurezza. L’interrogativo ha risvegliato la curiosità del gruppo consiliare della Lega, silente da mesi. Pietro Tribuiani e Mastrilli hanno infatti protocollato un’interrogazione in cui si chiedono lumi al sindaco e all’assessore competente, Marco Di Carlo. L’esigenza di incrementare il numero dei Vigili urbani era emersa già un anno fa in campagna elettorale, tanto che, in più di un programma amministrativo, veniva evidenziata la necessità di pubblicare a stretto giro un bando per l’assunzione di personale a tempo indeterminato. Ai due pensionamenti già in atto, quattro se ne aggiungeranno a breve. L’organico di Polizia Urbana “rischia dunque di essere quasi dimezzato da qui a breve, con il conseguente rischio in termini di prevenzione e mantenimento della sicurezza cittadina, oltre all’espletamento dei servizi di pubblica utilità.” Al sindaco e all’ assessore viene chiesto di illustrare in consiglio comunale quali misure siano state intraprese e cosa verrà fatto a breve per ripristinare le risorse del Corpo, tenendo conto del fatto che indire un concorso ed espletare tutte le fasi comporta diversi mesi di tempo e che un’azione risolutiva andrebbe fatta nel più breve tempo possibile.” La questione della sicurezza urbana costituisce la piattaforma strategica che, più di ogni altra, vede conciliarsi la politica del sindaco Jwan Costantini con le convinzioni della Lega. Il Daspo urbano, ad esempio, era stato salutato con favore proprio dallo schieramento di Tribuiani. I punti d’accordo costituiscono chiavi importanti per spalancare le porte di una possibile alleanza. 

Marzia Tassoni